Il tradimento: uno strappo doloroso che si può riparare

 

 

Il tradimento: uno strappo doloroso che si può riparare.

Un tema scottante il tradimento. In chat, virtuale, reale, ogni coppia giovane o meno conosce questo strappo doloroso e crudele, sia anche solo come fantasia.

Sembrano si  siano moltiplicate queste situazioni, complici i social network, lo sdoganamento stesso della situazione, vissuta con minore senso di colpa, e comunque come possibilità di accadimento.

Cosa accade alla coppia, nel momento in cui si scopre il tradimento?

Il tradimento rompe in modo rovinoso, spesso, un equilibrio di coppia, minandone le fondamenta di fiducia.
Si scopre  che l’altro è fallibile, che noi non siamo “tutto” ma che vi sono spazi di non conosciuto e non condiviso. Alla domanda “il tradimento in chat o nei siti di incontri, durante una trasferta di lavoro o in vacanza , vale meno di una relazione clandestina durata più tempo?”
Solo la coppia potrà darne risposta, e significato. Scrivo di coppia perché entrambi saranno chiamati al compito di svelamento e riorganizzazione delle trame della loro storia.

Come superare un tradimento?

Non esistono ricette per superare un tradimento, ogni coppia ha la sua storia e i suoi processi. 
Vi sono tradimenti che per alcuni possono essere compresi: l’avventura di una sera, complice il vino e la lontananza da casa; un momento di freddezza, presi da richieste esterne, accudimenti di genitori anziani, maternità, problemi di lavoro o semplicemente il desiderio inconfessato di vivere qualcosa di diverso.

A volte Il tradimento diventa inganno, caduta di ogni illusione, perdita di progettualità, di senso di sè nella coppia e dell’altro.

Vi sono tradimenti che diventano relazioni parallele, per più  tempo, che portano  disillusioni, affanni, fratture a volte difficili da recuperare, con le quali a volte ci si dovrà chiedere di convivere

Perdonare, far finta di niente, chiedere aiuto?

Attenzione: è il partner tradito che deve cercare dentro di sè la propria risoluzione di significati. E’ lei/lui la vittima, nel caso, e non si dovrà pretendere comprensione e tempi brevi a priori.
D’altro canto non ci deve neanche porre in un ottica da martire, pronti ad accettare qualsiasi cosa in nome dell’assoluzione. Il tradimento è molto doloroso, molto.
I processi di ascolto e di aiuto devono avere tempi dilatati, ma non eterni e devono procedere verso una trasformazione.

Che fare ?

Può capitare, è capitato, si possono dare altre possibilità, soprattutto se la relazione è stabile, dura da parecchi anni e se la coppia riesce a integrare lo spazio di questa esperienza in qualcosa che la possa aiutare a crescere e a colmare investendo reciprocamente all’interno .

Che cosa non fare ?

Ci sono dei passi che io indico sempre di NON compiere, nonostante le sollecitazioni del partner tradito e del desiderio da parte dell’altro di essere sincero e franco ( e anche, spesso, di alleggerirsi da pesi).

Il tradimento fa male 

NON raccontate che poco. Il necessario, e sappiate che è già troppo. Se volete davvero recuperare il rapporto di coppia, non  giustificatevi appellandovi ad eventuali mancanze del compagno/a o alle vostre.
NON raccontate di eventi, di incontri, di situazioni condivise, di amore o sesso provato o meno. NO.
Il mito di essere trasparenti e sinceri è appunto un mito, un idealizzazione nefasta che inevitabilmente si ritorcerà nella coppia e nella sua storia. Siamo sufficientemente capaci di imbastire fantasiose liason senza che queste vengano confermate. Vi sono spazi che la coppia non condivide, e questo è uno .

Il tradimento è doloroso, vostro compito proteggere e proteggervi.

Siate onesti con il partner: piuttosto date un tempo per chiudere con il terzo, piuttosto che continuare in sotterfugi in attesa di chiarire e chiarirvi; non adottate comportamenti ambigui, poco chiari, ma neanche consegnate password o stampe di mail. La fiducia deve essere costruita e non estorta.

Chiedete aiuto!

Una psicoterapia di coppia potrà essere di notevole aiuto per facilitare comunicazioni di affetti e emozioni, sollevando da recriminazioni e rancori capaci di corrodere con il tempo anche le miglioro intenzioni di recupero. Il tradimento fa molto male.

Non è facile ritessere trame dolorosamente lacerate .

La vostra coppia, e voi: datevi la possibilità di sperimentare, in un luogo sicuro e protetto, processi di comprensione reciproca, volti a rinsaldare il legame e a scoprirvi più complici ed innamorati, riscegliendovi, autenticamente.

Condividi la Re.Te 4.0 con Amore ❤

Sei una mamma granchio?

Prima di raccontarti chi è mamma granchio, rispondi mentalmente.. da uno a dieci quanto imparano i bambini da noi?

In questo periodo post lockdown siamo alle prese con l’organizzazione del periodo estivo e abbiamo appena superato un momento di sovraccarico emotivo, che ci accingiamo ad entrare in un altro… Dicono che le mamme siano programmate a resistere, io non credo molto. Vorremmo anche noi un pò di pace in riva al mare..

Oggi, non ti parlerò di ferie anche se ne sentiamo tutte il desiderio. Voglio raccontarti dell’importanza che ha l’esempio per i nostri figli.

Durante la fase di Lockdown siamo stati a stretto contatto con i nostri figli. Potrà essere capitato anche a voi di osservare delle difficoltà o delle fragilità nei ragazzi. Non solo legate ai compiti.

Potrà sembrare contro intuitivo. Queste osservazioni possono esservi utili per voi come lo sono state per mamma granchio.

C’erano due granchi che camminavano insieme. Erano Mamma granchio e suo figlio. Il figlio si sfregava contro il muro umido. La mamma quando lo vide lo rimproverò. “Non fare così. Non sfregarti contro il muro umido” disse la mamma. Suo figlio le rispose “Mamma fammi vedere come si fa. Fammi vedere come si fa perché vedendoti io ti imiterò”

Questo esempio è molto interessante. Molto spesso siamo legate ad “aggiustare” le relazioni e il comportamento dei nostri figli. Li riprendiamo e vorremmo il loro bene e il loro meglio. A volte non ci accorgiamo che spesso abbiamo gli stessi comportamenti. Abbiamo le stesse modalità di relazione.

In questo non ci dobbiamo sentire giudicate. O peggio non ci dobbiamo colpevolizzare. Questa presa di consapevolezza può essere una cartina tornasole. Ci permette di vederci e di entrare in contatto con i nostri bisogni. Sono infatti i nostri bisogni che guidano i nostri comportamenti.

Ecco che per non perdere i vari fili delle cose è importante in questo periodo di ripartenza e di resilienza mettere i punti fermi nel nostro cielo per poi tracciare una bella rotta in questo mare mosso.

Cosa possiamo fare allora quando ci arrabbiamo con i nostri figli?

  1. Oltre ad aiutarli a mettersi nel giusto binario
  2. proviamo a chiederci se facciamo qualcosa di simile anche noi
  3. mettiamoci in ascolto di noi stesse.
https://youtu.be/WnxvXPjb0Hs

Elena Grimaldo

www.elenagrimaldo.it

“Trasforma il tuo dolore in energia”

Condividi la Re.Te 4.0 con Amore ❤

Resilienza 4.0 e Comunicazione 4.0

Resilienza 4.0 e comunicazione 4.0 si occupa di promuovere e sensibilizzare e sviluppare l’uso della comunicazione digitale nelle relazioni

L’Area Resilienza 4.0 e Comunicazione 4.0 si occupa di promuovere e sensibilizzare il corretto uso degli strumenti digitali, come i social, nella comunicazione tra le persone nella complessità delle relazioni. L’Area comunicazione 4.0 mira a semplificare e mettere a fuoco le strategie e i passi nel raggiungimento dell’obiettivo prefissato per la promozione di se stessi e della propria professionalità.

Centrale è il superamento delle difficoltà comunicative che avvelenano  le relazioni affettive e lavorative. 

La Resilienza 4.0, si occupa di ripartenze legate alle crisi della vita e al dolore, utilizzando il metodo della mente resiliente come strategia per trasformare le emozioni negative in spinta vitale. 

Si occupa di Resilienza 4.0 e Comunicazione 4.0
Elena Grimaldo

Vai alla sezione dedicata a Elena Grimaldo oppure contattala subito


Leggi gli articoli che parlano di Resilenza 4.0 e Comunicazione 4.0

Condividi la Re.Te 4.0 con Amore ❤

Articoli

Buona lettura…

Sessualità e crisi di coppiagutentor-overlay

Sessualità e crisi di coppia … il punto di vista maschile (andrologo) e femminile (sessuologa)!

Sessualità e crisi di coppia“Stare insieme” rappresenta una dimensione in cui si “dona” una piccola parte di noi stessi all’altro,affinché si possa permettere alla complicità di nutrirsi e crescere… una crescita tale da nonpermetterci più di distinguere i contorni, a tal punto da riconoscerci nell’a…
Leggi di più…
Una fiaba sul valore dell’empatia | F. Carubbi Psicoterapeuta Fanogutentor-overlay

Una fiaba sul valore dell’empatia, della cooperazione e del senso di comunità: “I musicanti di Brema” dei F.lli Grimm

Una fiaba sul valore dell’empatia, della cooperazione e del senso di comunità: “I musicanti di Brema” dei F.lli Grimm. I “Musicanti di Brema” è una fiaba/favola molto interessante. Personalmente, è una delle mie preferite (posseggo, a tutt’oggi, una versione illustrata di quando ero piccina). Fav…
Leggi di più…

Gli Articoli di Amori 4.0, una strepitosa raccolta di contenuti che parlano di Amori, di truffe, di relazioni complicate, ma anche di inganni. Gli argomenti ruotano nella sfera dei sentimenti e degli Amori toccando le varie particolarità. I contenuti si intrecciano avvolgendo la sfera emotiva, sfiorando le questioni sessuali ed erotiche analizzando anche la sfera legale. Tutti i dubbi e le molteplici domande possono essere trattate nel blog dedicato Inganni e crimini del cuore dove alcuni professionisti saranno a vostra disposizione per affrontare tutte le eventuali tematiche, o anche solo per aggiungere qualche curiosità.

Gli Articoli di Amori 4.0, una strepitosa raccolta di contenuti che parlano di Amori, di truffe, di relazioni complicate, ma anche di inganni. Gli argomenti ruotano nella sfera dei sentimenti e degli Amori toccando le varie particolarità. I contenuti si intrecciano avvolgendo la sfera emotiva, sfiorando le questioni sessuali ed erotiche analizzando anche la sfera legale. Tutti i dubbi e le molteplici domande possono essere trattate nel blog dedicato dove alcuni professionisti saranno a vostra disposizione per affrontare tutte le eventuali tematiche, o anche solo per aggiungere qualche curiosità.

Gli Articoli di Amori 4.0, una strepitosa raccolta di contenuti che parlano di Amori, di truffe, di relazioni complicate, ma anche di inganni. Gli argomenti ruotano nella sfera dei sentimenti e degli Amori toccando le varie particolarità. I contenuti si intrecciano avvolgendo la sfera emotiva, sfiorando le questioni sessuali ed erotiche analizzando anche la sfera legale. Tutti i dubbi e le molteplici domande possono essere trattate nel blog dedicato dove alcuni professionisti saranno a vostra disposizione per affrontare tutte le eventuali tematiche, o anche solo per aggiungere qualche curiosità.

Condividi la Re.Te 4.0 con Amore ❤

Elena Grimaldo

Elena Grimaldo, Psicologa dello Sviluppo e Psicoterapeuta a indirizzo sistemico relazionale – VENEZIA

Lavora a Venezia città storica e a Mestre (Ve). Si occupa di relazioni d’amore e di famiglie coniugando tecniche sportive con la psicoterapia per stimolare ed educare alla RESILIENZA.

Creativa, solare e concreta lavora presso RELAZIONI UNICHE.

Autrice dei libri “Mamme con le Rampe”, di “E-Figh7ers” e di Amori 4.0.

Mi presento con gioia perché questo sito raccoglie un lungo viaggio professionale che è una soddisfazione esserci.

Il progetto che ci vede qui tutti insieme narra delle relazioni al tempi del web. Sono quasi vent’anni che utilizziamo il computer, chattiamo e chiacchieriamo virtualmente, ma oggi più di ieri c’è sempre una maggiore padronanza del mezzo, talmente sofisticata che non c’è differenza tra telefonarsi, scriversi, farsi un video e mandarsi delle foto reali o modificate. Tutto è reale e senza materia. Spesso si crea semplicemente un’intimità senza pelle, un’intimità senza presenza fisica, una nuova vicinanza sconosciuta. Ciò ha effetti positivi e anche negativi come tutte le situazioni.

Ancora durante il mio percorso di laurea con amici non udenti avevamo sviluppato una chat #sordi con l’obiettivo di unire le persone sorde di tutta Italia. Non eravamo ancora nel 2000 e, in questo momento, sorrido al ricordo dei nostri incontri e delle nostre pizze e dei bicchieri che ho fatto volare per comunicare con le mani. La base di partenza è stata Senigallia (An) e io ero chiamata Naele (lo scrivo magari se qualcuno si chiede se sono davvero io)

Il mio percorso di formazione

Mi sono laureata in Psicologia presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Padova con una tesi su “Le narrazioni scritte di ragazzi sordi”. La comunicazione e la relazione sono due campi di interesse forti per me. Nel 2008 mi sono specializzata in Psicoterapia familiare e Relazionale (ITFV) a Treviso con la tesi “Separazioni dove curi-osa una tartaruga” tema che amo tutt’oggi che tratta la capacità di reinventarsi dopo una separazione o la fine di un rapporto d’amore. Nel libro Amori 4.0 edito da Alpes potete leggere due miei contributi, uno al maschile e uno al femminile, che descrivono la ripresa a volte difficile ma appagante di rinascere anche attraverso l’uso del digitale.

La mia esperienza professionale

In questi anni ho cercato di mantenere sempre con me una doppia lettura: quella che viene dall’attività libero professionale (intima e speciale) e quella che nasce all’interno dei gruppi nelle comunità e nei reparti che stimolano la resilienza perché spingono come avrebbe scritto Vigotsky la mia zona di sviluppo prossimale della mia creatività.

Essendo una Psicologa del ramo dello Sviluppo e dell’Educazione amo produrre insieme metafore e immagini per dare voce al dolore e al superamento dello stesso attraverso percorsi e progetti individuali e di gruppo.

Collaboro negli anni con l’Università di Ca’ Foscari, Università Iuav, la Comunità Istituto Casa Famiglia San Pio X (mamma-bambino), Uniamo-Malattie, Lega del Filo d’Oro.

Nel 2012 ho dato vita al Gruppo Mamme con le Rampe che si è occupato di accessibilità e relazioni familiari, soprattutto nel periodo della ripartenza.

Per la Re.te 4.0 mi occupo di Resilienza 4.0 e Comunicazione 4.0

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito Elena Grimaldo.it

Scopri di più su Elena Grimaldo

Chiama


+393397517593

Dove


Via Murri, 3 – 30171 Mestre

Articoli scritti

Scrivi


infoelenagrimaldo@gmail.com

Condividi la Re.Te 4.0 con Amore ❤

Arianna Torelli

Arianna Torelli, Giornalista e Comunicazione 4.0

Notizie, approfondimenti ed interviste per raccontare, online e offline, la realtà delle relazioni in tempi digitali e per dare voce agli esperti che ne studiano i fenomeni in continua e rapida evoluzione.
Tra il palcoscenico del web e i retroscena della vita vera.
Tra le dirette social e la carta stampata.

Giornalista pubblicista iscritta all’Ordine dei Giornalisti dal 2010. Ha lavorato in Redazioni giornalistiche – ricoprendo anche il ruolo di Direttore responsabile – e in Agenzie di Comunicazione come Account e addetta alle Media Relations.

Collabora come Ufficio Stampa con associazioni, aziende e professionisti per dare notorietà e visibilità ad iniziative, eventi o persone, facendo pubblicare articoli su riviste cartacee e sul web oppure realizzare servizi su radio e tv.

Cura il sito Assaggiarepercredere.com dal 2012.

Puoi anche contattare Arianna Torelli a ufficiostampatorelli@gmail.com

Chiama


+39

Blog


https://assaggiarepercredere.com

Articoli scritti

Scrivi


ufficiostampatorelli@gmail.com

Condividi la Re.Te 4.0 con Amore ❤